Pescara: La Polizia municipale libera dagli abusivi l'edificio ex Fea sul lungomare Masci: "Prosegue l'azione del Comune per ripristinare la legalità"

2' di lettura 16/10/2020 - Prosegue l'azione dell'amministrazione comunale per il ripristino della legalità e per la lotta al degrado in aree e punti della città in cui insistono situazioni cosiddette "sensibili".

Questa mattina gli agenti della Polizia municipale di buon'ora hanno infatti proceduto a liberare la struttura dell'ex Fea (così si definivano le Ferrovie Elettriche Abruzzesi), sul lungomare Nord di Pescara, dalla presenza di individui senza fissa dimora che la occupavano abusivamente.

Gli uomini del comandante Danilo Palestini hanno raccolto le continue lamentale dei residenti e dei frequentatori della riviera che, allarmati da una situazione oggettivamente a rischio sia sotto il profilo sanitario che della sicurezza, a più riprese nel corso dei mesi avevano denunciato loschi movimenti, con ogni evidenza legati al mondo dello spaccio e della prostituzione.

Nei giorni scorsi, a seguito di un furto avvenuto all'interno dell'attiguo convento delle suore - che ha fruttato ai ladri mille euro in contanti e altri oggetti di valore appartenenti alle religiose - si è deciso di alzare il livello di attenzione sui manufatti dell'ex Fea.

Oltretutto, gli utenti dell'area pubblica di sosta retrostante l'edificio abbandonato hanno da tempo reso nota la propria preoccupazione perché sempre più spesso costretti - oltre a pagare il pedaggio - a lasciare denaro a parcheggiatori improvvisati per timore di subire ritorsioni a danno delle proprie auto parcheggiate.

E questa mattina la Polizia municipale ha deciso di intervenire.

All'interno del manufatto gli agenti hanno trovato due rifugi improvvisati in cui vivono abusivamente due coppie, ma pare usati anche da altri soggetti, in uno scenario indicibile di sporcizia e di presenza di ratti. Gli ambienti interni ed esterni sono stati inoltre liberati da rifiuti ingombrati.

"Dopo strada Valle Furci - ha detto il sindaco Carlo Masci – questa mattina siamo intervenuti presso l'ex Fea perché sempre più spesso ci riferivano di un'impennata dei fenomeni di spaccio e prostituzione. Il degrado non deve più trovare spazio in questa città, questo è un punto fermo dell'azione di questa amministrazione.

Adesso anche l'edificio ex Fea, sul quale stiamo definendo con la Regione una prospettiva di utilizzo, è stato recuperato. I cittadini ci hanno ringraziato, così come i titolari delle attività. Io ringrazio i nostri uomini e le nostre donne della Polizia Municipale, e naturalmente il comandante Palestini".


da Comune di Pescara
www.comune.pescara.it







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-10-2020 alle 15:33 sul giornale del 17 ottobre 2020 - 161 letture

In questo articolo si parla di attualità, pescara, Comune di Pescara, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/byNN