Roseto degli Abruzzi: restituita al mare Giulia, la tartaruga trovata sulla spiaggia

2' di lettura 21/09/2013 - Cerimonia alla presenza del Sindaco Enio Pavone, Presidente AMP Benigno D’Orazio, Presidente Centro Studi Cetacei Onlus Vincenzo Oliveri, Comandante Ufficio Marittimo di Giulianova Sandro Pezzuto, delegazione alunni scuole di Pineto e Roseto e una folla entusiasta.

Questa mattina a Roseto degli Abruzzi, presso lo stabilimento “La Rosa dei venti” dei fratelli Di Donato si è svolto il momento celebrativo della nidificazione di uova di tartaruga della specie Caretta caretta, individuata sabato 14 settembre, con l’immissione in acqua del primo esemplare rinvenuto, l’ormai famosa Giulia.

Dopo un primo momento di disorientamento, Giulia ha preso il largo a gran velocità, sotto gli occhi sbalorditi ed entusiasti di centinaia di persone, studenti, cittadini, bagnanti e amanti dell’ambiente, giunti nella città costiera per partecipare ad un evento unico nel mare Adriatico e rarissimo in una zona così antropizzata. Quello che è stato scoperto lo scorso sabato, con il rinvenimento di una nidificazione e la nascita di oltre 25 esemplari, che via via hanno preso il mare sani e salvi.

Il sindaco di Roseto Enio Pavone, il Presidente dell’AMP Torre del Cerrano Benigno D’Orazio e il Presidente del Centro Studi Cetacei Vincenzo Olivieri hanno voluto organizzare l’odierno momento celebrativo per permettere agli studenti, a coloro che in questi giorni si sono prodigati nel servizio di sorveglianza, a chi ha seguito costantemente l’evolversi della bella storia, di essere protagonisti di un evento scientifico che riscriverà i libri di scienze e ricorderà per sempre la costa di Roseto degli Abruzzi, dove nel giugno del 2013 ha deposto le uova una splendida femmina di Caretta caretta, forse nata lì 20 anni fa.

“Una lezione pratica di educazione ambientale che non ha precedenti - ha detto il Presidente AMP Benigno D’Orazio – e che fa seguito al percorso di tutela ed educazione ambientale che abbiamo intrapreso dal 2010. Proseguiremo nel nostro impegno a coadiuvare la ricerca e tutti gli approfondimenti che un evento così eccezionale merita”

Un operazione complessa che è stata ottimamente condotta dagli esperti veterinari e biologi marini del Centro Studi Cetacei onlus, coordinati dal dottor Vincenzo Olivieri, seguendo le procedure all’uopo previste. Giusto è stato anche il tempo di permanenza dell’esemplare di tartaruga marina presso l’ospedale delle tartarughe, dov’era stata ricoverata dal 14 settembre scorso.

“Una scoperta che non ha precedenti - ha ribadito il noto veterinario Vincenzo Olivieri – che smentisce anche i miei insegnamenti. Avevo sempre detto ai miei studenti che in zone come questa non poteva verificarsi una nidificazione. Invece, – ha proseguito - dobbiamo attenderci nuove deposizioni per i prossimi anni e, molto probabilmente tra 20 anni, quando le femmine mature sessualmente torneranno a deporre a Roseto degli Abruzzi, nel luogo dove sono nate”.


da Area Marina Protetta Torre del Cerrano







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-09-2013 alle 16:11 sul giornale del 23 settembre 2013 - 442 letture

In questo articolo si parla di attualità, pineto, Area Marina Protetta Torre del Cerrano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/R4U





logoEV