La bicicletta 'regina' della costa abruzzese

bici e verde 3' di lettura 23/09/2013 - Le due ruote protagoniste assolute della domenica abruzzese, lungo tutta la costa adriatica regionale, grazie alla manifestazione 'Chiuso per bici', che ha portato alla chiusura del traffico veicolare della riviera adriatica da Martinsicuro a San Salvo.

"Il traffico dunque è stato 'chiuso per bici' ma aperto alle bici", ha detto l'assessore al Turismo Mauro Di Dalmazio, condensando in questo modo la filosofia dell'evento. "L'obiettivo è creare quella cultura necessaria di coinvolgimento della popolazione al progetto di realizzazione della pista ciclopedonale d'Abruzzo, quel 'Bike to coast' destinato a cambiare le coordinate future del turismo abruzzese. Accanto cioè alla realizzazione della infrastrutture - ha sottolineato Di Dalmazio - deve esserci la capacità di comprendere quanto la pista ciclopedonabile possa cambiare, arricchendola, l'offerta turistica regionale. Non mi rivolgo solo agli addetti ai lavori e agli operatori del settore, ma anche a chi con il turismo vuole fare promozione del territorio e sviluppo".

All'evento di domenica hanno aderito tutti i 18 comuni coinvolti nel progetto "Bike to coast". Ogni comune ha proposto delle attività parallele con un cartellone di manifestazioni e spettacoli che si sono svolte nel tratto di strada chiusa al traffico, soprattutto per rafforzare quello spirito di partecipazione e coinvolgimento di famiglie e bambini all'uso della bici. "Una giornata di festa all'insegna della bici, con l'obiettivo di consolidare l'evento che potrebbe essere in questo modo calendarizzato all'inizio o alla fine della stagione estiva. Un messaggio soprattutto verso quegli operatori che potrebbero costruire intorno all'evento pacchetti turistici ad hoc".

Ma l'evento "Chiuso per bici" è stata l'occasione per fare il punto del progetto "Bike to coast", la pista ciclopedonabile di 131 chilometri che unirà Martinsicuro a San Salvo in un percorso ciclabile unico. Insieme con i presidenti delle Province di Chieti, Enrico di Giuseppantonio, di Pescara, Guerino Testa, e l'assessore al Turismo della Provincia di Teramo, Ezio Vannucci, Di Dalmazio ha riferito che "è partito all'inizio di agosto il tavolo di monitoraggio del progetto che dovrà verificare lo stato di avanzamento dei lavori. Si riunirà ogni mese con l'obiettivo di ridurre per quanto possibile le lungaggini burocratiche. Noi siamo convinti - ha detto l'assessore al Turismo - che in questo modo si possano rispettare i 24 mesi che ci siamo dati per la realizzazione completa dell'opera".

In questo senso, il presidente Enrico Di Giuseppeantonio ha annunciato che la prossima settimana potrebbe chiudersi l'accordo con le Ferrovie dello Stato per la restituzione all'ente dei terreni sui quali sorge il tracciato della ferrovia, uno dei tratti più belli e suggestivi dell'intera ciclopedonabile. Sulla stessa linea anche le altre Province, enti attuatori del progetto, anche perché, ha sottolineato Mauro Di Dalmazio, "a breve verranno firmate le determine di accreditamento alle Province delle risorse finanziarie previste dal progetto, confermando in questo modo quanto detto alla presentazione di "Bike to coast", e cioè che si tratta di un progetto esecutivo, con tutte le risorse necessarie, in grado di diventare realtà tra 24 mesi".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-09-2013 alle 11:43 sul giornale del 24 settembre 2013 - 684 letture

In questo articolo si parla di attualità, bici, biciclette, verde, regione abruzzo, Chiuso per bici, bike to coast, riviera di pescara, mauro di dalmazio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/R7u





logoEV