Chieti: Aca risponde alle accuse fatte per le "false" bollette

1' di lettura 02/04/2021 - "Non entriamo nel merito della necessità di una continua campagna elettorale perché a noi non interessa."

"Ci riguarda, però, quando come nel caso del comune di Chieti, la pubblicazione di continue notizie fuorvianti ai cittadini: con una mozione alcuni Consiglieri, peraltro assenti negli opportuni tavoli di confronto, promettono di imporre ad Aca di annullare le bollette trimestrali emesse, bollette che non sono "pazze" come le avevano definite, bensì di conguaglio.

Insomma: prima erano bollette pazze, poi avendo capito che in realtà si trattava di conguagli secondo l'applicazione di tariffe approvate da ERSI, hanno provato a giocare sul COVID, invocando la non sostenibilità in tempo di emergenza sanitaria, sebbene, dovrebbero ben sapere, che la sostenibilità è già prevista nei piani di rientro che ciascun cittadino può attivare, e che la tariffa copre i costi di manutenzione delle infrastrutture, per una corretta erogazione del servizio. Le manutenzioni non fatte infatti non costano al momento ma si sentono e si pagano molti anni dopo, e se ne accorgono i cittadini per primi.

Le polemiche sul prima era meglio sono troppo facili, in particolare se passa di mano la gestione del servizio idrico integrato.

E' ora di finirla! Usare Aca come strumento di captatio benevolentiae verso i cittadini non porta a nessun miglioramento, a nessun beneficio per i cittadini su un servizio pubblico essenziale: stiamo lavorando ogni giorno con impegno e costanza senza campagne facebook, e invece siamo costretti a replicare ad attacchi arbitrari e inutili."






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-04-2021 alle 09:52 sul giornale del 03 aprile 2021 - 122 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bVHb





logoEV