Ricostruzione privata, Teramo: evaso oltre il 60% delle pratiche presentate. 71 milioni di contributi concessi.

3' di lettura 09/12/2021 - I dati dell’ultimo report dell’Usr, aggiornati al 30 novembre, confermano che la ricostruzione privata degli immobili danneggiati dal sisma nel Comune di Teramo continuano ad essere sempre più positivi così da accelerare il percorso intrapreso della ricostruzione.

Questo grazie all'ordinanza 100, già firmata dal commissario straordinario Giovanni Legnini, che sta producendo tutti i suoi effetti.

Ad oggi, come attestato dal report dell'Ufficio speciale per la ricostruzione, le domande presentate a Teramo città sono state 538, 10 in più rispetto al mese di ottobre, e di queste ne sono state evase 320 tra ricostruzione leggera e pesante.

In particolare, per quanto riguarda le pratiche concluse, ad oggi sono 263 quelle relative ai danni lievi e 57 quelle ai danni gravi, mentre i decreti di concessione contributi sono stati 242, di cui 20 emessi solo nell’ultimo mese. In totale, per la città di Teramo, i contributi erogati ammontano ad oltre 71 milioni di euro, di cui 7 solo nel mese di novembre.

Nel comune di Teramo, dunque, è stato definito il 62,47% delle pratiche pervenute considerando i soli danni lievi, mentre considerando anche i danni pesanti la percentuali è del 59,47%.

"Si tratta di dati importati e che confermano, tralasciando le inutili polemiche, che la ricostruzione privata sta viaggiando ormai a pieno regime - commenta il sindaco Gianguido D'Alberto - e questo grazie al lavoro congiunto del commissario, dell'ufficio speciale e in particolare del direttore Dr. Vincenzo Rivera, che ringrazio per il grandissimo impegno quotidiano, e degli uffici comunali".

Ad attestare che i numeri della ricostruzione privata nel comune di Teramo sono estremamente positivi vi è che su un totale di oltre 178 milioni di euro concessi nel cratere abruzzese relativo al sisma centro Italia oltre 71 milioni, quindi il 40%, ricade a beneficio della nostra città.

"Per quanto riguarda la ricostruzione leggera, come ha ricordato anche nei giorni scorsi il commissario straordinario Giovanni Legnini c'è ancora la possibilità entro fine anno, oppure entro 90 giorni dal rigetto se notificato dopo il 22 ottobre, di regolarizzare le domande di contributo che sono state archiviate o rigettate perché incomplete - conclude D'Alberto - inoltre, voglio ricordare ai cittadini interessati che il 15 dicembre scadrà, sempre per i danni lievi, la possibilità di presentare la manifestazione di volontà a richiedere il contributo di ricostruzione. A fronte di un certo numero di pratiche attese che non sono state ancora presentate invito dunque i cittadini interessati ad attivarsi."

Volendo riepilogare, la lavorazione delle pratiche afferenti la ricostruzione leggera per danni lievi prevede erogazione di contributi pari a circa 36 milioni di euro, mentre la ricostruzione leggera per danni gravi prevede erogazione di contributi pari a più di 35 milioni di euro: sono cifre importanti ed immediatamente a disposizione di chi ha il diritto di vedersi restituire la propria unità abitativa.


RICOSTRUZIONE PRIVATA TERAMO

PRESENTATE

CONCLUSE

DECRETI EMESSI

IMPORTO CONCESSO

% PRATICHE EVASE SUL TOTALE

%CONTRIBUTI SUL CRATERE

538

320

242

71.524520,41

59,47%

40%

RICOSTRUZIONE LEGGERA DANNI LIEVI

PRESENTATE

CONCLUSE

DECRETI EMESSI

IMPORTO CONCESSO

%PRATICHE EVASE

SUL TOTALE

421

263

204

€ 35.923.111,91

62,47%

RICOSTRUZIONE LEGGERA DANNI GRAVI

PRESENTATE

CONCLUSE

DECRETI EMESSI

IMPORTO CONCESSO

117

57

38

€35.601.408,50.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-12-2021 alle 09:21 sul giornale del 10 dicembre 2021 - 130 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, teramo, comune di teramo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cySx





logoEV
qrcode