Marsilio sulle dimissioni del commissario delle autostrade A24-A25: "E' un problema che non riguarda solo Gentile"

2' di lettura 13/12/2021 - "Ho sentito questa mattina (lunedì 13 dicembre) il commissario Maurizio Gentile, che mi ha confermato di aver dovuto assumere questa dolorosa decisione perché impossibilitato a proseguire con le regole attuali questo prezioso e delicato incarico. Conoscevo già da tempo questa situazione di difficoltà e di disagio dell'ingegner Gentile. Non posso quindi che esprimergli la mia solidarietà per non aver avuto ad oggi una soluzione al problema posto. Io spero che ci possa essere una soluzione positiva e chiedo al Governo di intervenire sulla norma per consentire ai professionisti che sono in pensione di poter assumere questo tipo di incarichi".

Così in una nota il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, sulle dimissioni del commissario delle autostrade A24-A25. "E' un problema che non riguarda solo il commissario Gentile- prosegue Marsilio- Più volte mi sono trovato nella difficoltà e nell'impossibilità di poter affidare importanti incarichi (analoghi a quello di un commissario, di un presidente o di un amministratore di società di enti pubblici), in virtù di questa legge che, con l'obiettivo di liberare spazio ai giovani nella pubblica amministrazione, impedisce a chi percepisce la pensione di poter essere remunerato per le sue prestazioni. Questo produce casi paradossali come quello di Maurizio Gentile, al quale si affida il compito di progettare e realizzare opere pubbliche per un valore di miliardi, con conseguenti responsabilità civili, contabili se non addirittura penali, costringendolo a lavorare gratis e a pagarsi pure l'assicurazione per avere una copertura sulle responsabilità enormi che si assume".

Per Marsilio si tratta di "una norma sbagliata perché - prosegue il presidente della Regione Marco Marsilio -, se è condivisibile il principio di evitare che una schiera di anziani burocrati possa fare da tappo alla progressione di carriera e alle soddisfazioni professionali dei più giovani, la rigidità attuale impedisce a persone di eccezionale valore di poter continuare a servire la pubblica amministrazione, relegandoli ai giardinetti o meglio regalandoli alla concorrenza delle aziende private che sanno come utilizzare capacità e competenze di questi servitori dello Stato. Occorre trovare una soluzione che, facendo salvo il principio ispiratore della norma attuale, possa anche consentire di utilizzare energie e competenze preziose quando questo si rende necessario.

Peraltro per alcuni incarichi come quelli commissariali la retribuzione prevista non è sufficientemente elevata da motivare dirigenti e manager in servizio ad assumere quelle responsabilità, lasciando i propri impieghi e trascurando le proprie carriere". Per questa ragione, conclude Marsilio, "talvolta le figure più adatte sono proprio quelle che possono cumulare alla pensione la retribuzione prevista per i commissari; in alternativa si corre il rischio, già presente, di dover ripiegare per alcuni incarichi su soggetti con profili di scarsa esperienza o di incerta competenza e questo non rende certo un buon servizio alla comunità".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-12-2021 alle 20:48 sul giornale del 14 dicembre 2021 - 136 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia dire, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/czBS





logoEV
qrcode