Quaresimale: "Prevedere un rappresentante delle Consulte in seno al Consiglio regionale"

2' di lettura 20/12/2021 - "Un ulteriore passo verso il riconoscimento del valore delle Consulte potrebbe essere quello di prevedere un loro rappresentante in seno al Consiglio regionale, specie quando in esso si affrontano argomenti che possono incidere in qualche modo sulla vita degli emigrati, o quando si decida di discutere proposte che vengono da loro. Si tratterebbe di una innovazione statutaria in grado di rivitalizzare il ruolo della Consulta regionale e, in generale, dell'associazionismo sull'emigrazione e l'mmigrazione".

È quanto ha dichiarato l'assessore della Regione Abruzzo alle Politiche Sociali, Pietro Quaresimale, come riporta una nota dello stesso assessorato, parlando delle Consulte e in particolare dell'esperienza regionale del Cram (Consiglio regionale degli abruzzesi nel mondo), in occasione della Conferenza permanente Stato-Regioni-Province autonome del Consiglio generale degli italiani all'estero (Cgie) tenutasi a Roma. Quaresimale è intervenuto nella sessione di lavoro dedicata al tema dei diritti e della cittadinanza e rappresentanza degli italiani all'estero, alla quale ha preso parte, tra gli altri, anche il ministro per le Politiche giovanili Fabiana Dadone. Sulla questione dell'elettorato attivo e passivo dei cittadini residenti all'estero, l'assessore regionale ha aggiunto: "Ciò implicherebbe un cambiamento statutario delle Regioni che andrebbe di pari passo con quello costituzionale, portandosi dietro anche la questione delle modalità di esercizio del voto dei cittadini all'estero".

Negli ultimi anni, ha sottolineato Quaresimale, "in tutte le politiche regionali, si è registrata una certa evoluzione nel rapporto con le comunità residenti all'estero. Oggi le comunità di Abruzzesi nel mondo sono considerate soprattutto un volano per lo sviluppo economico dell'Abruzzo, avendo le potenzialità di assumere un ruolo determinante per lo sviluppo dell'economia regionale. Le associazioni, da parte loro- ha detto ancora Quaresimale- reclamano un nuovo ruolo che le veda protagoniste di una stagione diversa. Occorre, per questo, rendere partecipi le associazioni delle iniziative che si sviluppano nelle Regioni". A margine della conferenza, Quaresimale ha affrontato con la Dadone il tema specifico della nuova emigrazione. "E' una tematica attuale- conclude- che trae origine dalla mobilità dei nostri giovani, ma soprattutto degli universitari che, concludendo la specializzazione all'estero, preferiscono rimanere in quel contesto non avendo in Italia le stesse opportunità professionali".






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 20-12-2021 alle 10:56 sul giornale del 18 dicembre 2021 - 123 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cAuq





logoEV
qrcode