Nel 2021 sono state più di 4.100 le prestazioni del Centro di Terapia del Dolore dell'ospedale di Pescara

2' di lettura 12/01/2022 - Nel 2021 sono state più di 4.100 le prestazioni del Centro di Terapia del Dolore dell'ospedale di Pescara. Non solo Covid, fa quindi sapere la Asl per voce della dottoressa Donatella Bosco, responsabile del Servizio di Terapia del Dolore afferente alla Uoc di Terapia Intensiva, Anestesiologia e Terapia del Dolore diretta dalla dottoressa Rosamaria Zocaro.

"La nostra attività è concentrata sulla gestione ambulatoriale, intraospedaliera e territoriale del dolore benigno e oncologico, sia acuto che cronico, adulto e pediatrico - spiega Bosco -. Grazie ad un potenziamento dell'organico si sta incrementando l'attività di assistenza territoriale con visite a domicilio. L'attività del Centro è portata avanti da un gruppo motivato e preparato, formato da medici, infermieri e Oss che utilizzano tecnologie moderne per la gestione del paziente affetto da patologie dolorose sia acute che croniche". Queste le patologie più trattate: dolore oncologico, low back pain (mal di schiena) associato o meno a radicolopatia (lombosciatalgia/lombocruralgia), cervicobrachialgia, fibromialgia, neuropatia diabetica, neuropatia post-herpetica, dolore da artrosi, dolore nelle malattie reumatiche, urgenze algologiche dei pazienti con dolore acuto o riacutizzato inviati dal Pronto soccorso o lì visitati, consulenze algologiche nei reparti di degenza ordinaria e day hospital e gestione dei pazienti seguiti in Adi, prevalentemente per dolore oncologico, ma anche per pazienti fragili affetti da dolore non oncologico trattati con terapie antalgiche parenterali continue. Du egli approcci spesso utilizzati conteporaneamente e cioè quello farmacologico e quello interventistico.

"La terapia del dolore - aggiunge Zocaro - va personalizzata perché dipende da molti fattori: dalle condizioni cliniche del paziente, dal tipo di dolore, dalla sua gravità e dall'impatto che il dolore ha sulle normali attività quotidiane della persona e quindi sulla sua qualità di vita. Questo richiede tempo e attenzione nella presa in carico dei pazienti. L'attuale logistica deve essere potenziata - sottolinea -. L'Azienda sta realizzando nuovi locali che saranno consegnati nei prossimi mesi, che consentiranno di fronteggiare la grande richiesta che arriva dal territorio e da tutti gli altri setting assistenziali. Il nostro gruppo - conclude - è in prima linea anche per l'impianto di accessi vascolari (cateteri vascolari) a breve, medio e lungo termine come cateteri venosi centrali, mini-midline, picc, cateteri tunnellizzati e port-cath, nei pazienti onco-ematologici e pazienti critici acuti e cronici, sia adulti che pediatrici".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Pescara.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0316016 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @viverepescara o cliccare su t.me/viverepescara.






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 12-01-2022 alle 17:18 sul giornale del 13 gennaio 2022 - 116 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cENC





logoEV