Pescara Wine Festival – Premio alle Eccellenze Abruzzesi, Sospiri: "Parteciperanno circa 50 Cantine abruzzesi"

6' di lettura 24/11/2022 - “Sono circa 50 le Cantine abruzzesi, un’Azienda fuori regione e un’etichetta francese per lo champagne che sabato prossimo, 26 novembre, parteciperanno alla XIX edizione del Pescara Wine Festival – Premio alle Eccellenze Abruzzesi.

Un premio che ha una duplice valenza: da un lato attribuire il giusto riconoscimento agli sforzi che i viticoltori abruzzesi stanno facendo per alzare il livello della produzione abruzzese sostenendo personalmente investimenti importanti; dall’altro lato portare la narrazione del territorio al di fuori dei nostri confini a sostegno dell’enoturismo che è ormai una realtà strutturale”.

Lo ha detto il Presidente del Consiglio della Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri nel corso della conferenza stampa promossa con l’Associazione Italiana Sommelier per presentare la XIX edizione del Pescara Wine Festival – Premio alle Eccellenze Abruzzesi che si svolgerà sabato prossimo, 26 novembre, a partire dalle ore 17, nella Sala Consiliare del Comune di Pescara. Presenti il Presidente regionale dell’AIS Abruzzo Angela Di Lello, Luca Panunzio, Presidente dell’Associazione Sommelier-AIS Pescara, promotore e referente dell’iniziativa, Antonio De Marco di Banca Mediolanum, sponsor del Festival e i Sommelier Ilaria Blasioli vicedelegata provinciale Pescara, Alessandra Riccitelli responsabile corsi, e Danilo Cretarola Responsabile eventi.

“Sabato torniamo a sacramentare le eccellenze dei vini abruzzesi, scelti attraverso una media dei prodotti di settore – ha spiegato il Presidente provinciale Panunzio -. Per ogni settore avremo almeno 3 produttori medaglia d’oro, 5 per il Montepulciano Riserva e quella del 2022 sarà l’edizione che segnerà il ritorno alla normalità dopo due anni di Covid. Lo scorso anno abbiamo avuto 40 aziende presenti, quest’anno le cantine abruzzesi partecipanti saranno circa 50, con una casa francese per lo champagne e una proveniente da fuori Abruzzo. Il ringraziamento va alla sensibilità delle Istituzioni che hanno creduto nella rilevanza del nostro evento, ossia al Presidente del Consiglio regionale Sospiri e al sindaco Masci, con i quali abbiamo costruito un Festival ‘Vino e Cultura Città di Pescara’”.

“La Regione Abruzzo ringrazia innanzitutto gli sponsor dell’iniziativa, a partire da Banca Mediolanum, perché grazie a loro l’iniziativa non grava sulla finanza pubblica – ha sottolineato il Presidente Sospiri -. Da tempo abbiamo compreso che con il Pescara Wine Festival ci sono due fatti nuovi emergenti: innanzitutto, la manifestazione è un premio agli sforzi che i nostri imprenditori del settore stanno facendo per alzare la qualità del prodotto, sforzi che oggi hanno portato l’Abruzzo tra le regioni di punta del vino, dunque recuperiamo un gap strutturale che abbiamo rispetto ad altre regioni d’Italia e d’Europa su alcune tipologie. Questo è frutto di grandissimi investimenti e come Regione speriamo che con il nuovo Piano di Sviluppo Rurale, il PSR, si riescano a velocizzare le pratiche per rendere concreta la disponibilità di 540milioni di euro da spalmare in sette anni, dunque che la finanza ci venga incontro per garantire tutti gli investimenti, ovvero il sacrificio dei nostri produttori deve portare all’efficienza della pubblica amministrazione.

E poi: oggi l’Abruzzo è una regione competitiva, ma questo va comunicato. E allora il secondo merito dell’AIS e del Pescara Wine Festival è la capacità di aver compreso che la narrazione del territorio va portata fuori dal territorio stesso perché stappare una bottiglia, assaggiare un bicchiere di vino, vuol dire leggere l’etichetta e vedere da chi e dove è prodotto quel vino, andare sul territorio, mangiare in un ristorante del posto, dormire una notte nelle nostre strutture e ordinare più bottiglie di quel vino, ovvero significa promuovere l’enoturismo che è ormai un fatto strutturale. E in tal senso esprimiamo apprezzamento per alcuni produttori che stanno costruendo strutture per l’accoglienza dei turisti che vengono in Abruzzo per conoscerne il vino.

Il Festival è dunque il premio per la gente laboriosa d’Abruzzo”. “Banca Mediolanum – ha aggiunto De Marco – ha accettato ben volentieri la proposta di sponsorizzare un’iniziativa che ci permette di incontrare e far emergere le eccellenze abruzzesi, contribuendo a quell’asset economico strutturale che genera ricchezza. Credo che gli Istituti di credito in tali dinamiche debbano rispondere e noi lo facciamo con orgoglio e positività perché vince la squadra”.

“Da neo Presidente dell’Associazione Italiana Sommelier Abruzzo – ha detto il Presidente Di Lello - mi preme ribadire la nostra mission che è quella di raccontare il territorio, diffondere la cultura del vino e del cibo attraverso corsi di formazione, degustazioni ed eventi. Proprio in quest’ottica si colloca una manifestazione di rilievo come il Pescara Wine Festival che da numerosi anni, grazie al fondamentale impregno del delegato Luca Pannunzio, racconta con un format creativo e moderno il mondo produttivo abruzzese andando a coinvolgere e premiare le eccellenze enologiche regionali presentandole a soci, appassionati e operatori del settore turistico e commercio. L’AIS si prefigge l’obiettivo di essere veicolo di promozione per i produttori e di instaurare sempre più sinergie con le Istituzioni, fondamentali per la crescita di una regione come la nostra, piena di potenzialità e quindi di opportunità.

A tal proposito non mancano occasioni di orgoglio, come quella concessa recentemente dalla rivista di settore Wine Enthusiast, che incorona l’Abruzzo regione viticola dell’anno. Segno che la direzione intrapresa è quella giusta e che deve essere da incentivo per continuare a fare sempre meglio e perseverare nella ricerca della qualità e della sostenibilità, valori imprescindibili sui quali fondare una crescita costante che passo dopo passo ci porterà sempre maggiori soddisfazioni”.

Le cantine che sabato saranno presenti al Pescara Wine Festival sono le seguenti: Valentini, Emidio Pepe, Valle Reale, Lepore, La Quercia, Cantina Frentana, Feudo Antico, Terre D Erce, Codice Vino
Fattoria Gaglierano, Torre Dei Beati, Cataldi Madonna, Pietrantonj, Cantine Torri, Cantina Tollo, Tiberio, Valori, Rosarubra, Citra, Contesa, Marramiero, La Valentina, Zaccagnini, San Lorenzo, Barba, Terraviva, Barone Cornacchia, Fosso Corno, Strappelli, Palazzo Battaglini, Valle Martello
Cascina Del Colle, Marchesi De Cordano, Casal Thaulero, Paride D Angelo, Inalto, Quercia D Arabona.
Per l’Olio ci sarà la Fattoria Torre Delle Valli.

Per i vini di Fuori Regione: Cantine Olivella di Napoli; Castello Di Radda di Siena; Vecchie Terre Di Montefilidi Firenze; Cantina Coppola di Gallipoli, e Maison Autreau dalla Francia.

Le sezioni di premiazione saranno: Miglior Vino da Vitigno Autoctono; Miglior Pecorino d’Abruzzo; Miglior Trebbiano d’Abruzzo; Miglior Cerasuolo d’Abruzzo; Miglior Montepulciano d’Abruzzo; Miglior Montelpulciano d’Abruzzo Riserva; Colline Teramane DOCG; Colline Teramane DOCG Riserva; Villamagna DOC; Miglior Vino Dolce; Miglior Spumante d’Abruzzo; Cantina dell’Anno; Miglior Olio d’Abruzzo; Premio Speciale Regione Abruzzo alla ‘viticoltura eroica’; Miglior Vino Bianco d’Italia; Miglior Vino Rosso d’Italia; Miglior Cantina d’Italia; Premio Internazionale; Miglior Spumante d’Italia.


da Lorenzo Sospiri
Presidente del Cosiglio Regionale







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-11-2022 alle 09:18 sul giornale del 25 novembre 2022 - 26 letture

In questo articolo si parla di attualità, lorenzo sospiri, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEDg