SEI IN > VIVERE ABRUZZO > ATTUALITA'
comunicato stampa

"Vogliamo la Ciclovia Adriatica", si pedala per la Biciclettata Adriatica

5' di lettura
44

Alla sua tredicesima edizione, la BICICLETTATA ADRIATICA, nata nel 2011 per sensibilizzare cittadini e istituzioni sulla necessità di una mobilità più sostenibile e per il completamento del tratto marchigiano-abruzzese della Ciclovia Adriatica, si chiede ancora a gran voce il completamento delle infrastrutture essenziali: ponti ciclopedonali e collegamenti ciclabili tra città differenti.

Quest’anno sono previste due destinazioni da raggiungere con cinque biciclettate il 2 giugno:

1. Meta finale Senigallia (AN) con partenze una da nord (Pesaro) e due da sud (da Ancona e da Jesi), con tappe in tutti i Comuni attraversati.

2. Meta finale Roseto degli Abruzzi (TE) partenze una da nord (San Benedetto del Tronto) e una da sud (Francavilla al Mare), con tappe in tutti i Comuni attraversati.

La Biciclettata Adriatica, manifestazione nata quattordici anni fa da un gruppo di appassionati della mobilità ciclistica è stata pensata per portare all’attenzione delle istituzioni le tematiche relative alla mobilità ciclistica che, nel tempo, ha coinvolto sempre nuovi territori e numerose associazioni ed ha visto lungo la costa adriatica lo sviluppo del progetto di una delle Ciclovie più importanti d’Europa: la CICLOVIA ADRIATICA.

Un progetto cresciuto negli anni, anche grazie alle centinaia di partecipanti e al costante lavoro portato avanti, in ambito nazionale e locale, dalle associazioni aderenti, tra le quali la FIAB – Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta. Molto è stato fatto per il completamento dell’infrastruttura ciclabile costiera e oggi la situazione vede il tratto abruzzese quasi completato mentre quello marchigiano con ancora tanto da fare.

E’ di questi giorni la notizia dell’avvenuto appalto del ponte ciclopedonale sul fiume Tronto, che unirà, finalmente, i percorsi ciclabili di Marche e Abruzzo. Tante però le situazioni ancora da risolvere dove si registrano ritardi nell’esecuzione delle opere o deve mancano persino i progetti.

---o---

L’EVENTO MARCHIGIANO

Le FIAB marchigiane propongono la Biciclettata, con la stessa formula sperimentata negli anni scorsi con, però, più punti di partenza per arrivare alla Rotonda sul mare di Senigallia alle ore11:00 circa, uno da sud verso nord (da Ancona, P.zza Cavour ore9:00) uno da ovest verso est (da Jesi, Centro Sportivo Pieralisi ore8:30) e uno da nord verso sud (da Pesaro, Palla di Pomodoro ore8:30). Ci si potrà unire come da cronoprogramma in qualunque cittadina attraversata dalle tre biciclettate.

Sarà una piacevole “passeggiata” in bicicletta, sotto forma di manifestazione per la promozione della mobilità ciclistica e per sensibilizzare le amministrazioni locali sulla necessità di completare le infrastrutture ciclabili del territorio. La Regione Marche sembra aver “dimenticato” il progetto di completamento dell’infrastruttura ciclabile costiera, che, seppur finanziata nell’ambito del Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche, da qualche tempo ha rallentato il passo. Il tratto che si percorrerà domenica è quello meglio attrezzato nella regione, eppure, ci sono ancora molte interruzioni e criticità: del ponte sul Fiume Metauro non si vede traccia, il ponte sul Cesano tarda con i lavori, i tratti di ciclovia lungo l’Esino sono da completare e l’uscita e l’ingresso da e per Ancona è semplicemente inesistente, senza alcun progetto ancora messo in campo, nonostante l’importanza della città capoluogo che ha Stazione Ferroviaria e Porto Traghetti tra i più importanti dell’Adriatico.

Andando più a sud la situazione è ancor più drammatica, il superamento del Conero è ancora a livello di dibattito, tra Porto Recanati, Potenza Picena e Civitanova Marche non esiste alcun collegamento, più a sud il ponte ciclopedonale sul fiume Chienti ha l’appalto è bloccato da più di un anno e tra Porto San Giorgio e Grottammare manca una qualunque parvenza di ciclovia adriatica, nonostante da tempo sono disponibili risorse importanti per intervenire.

L’EVENTO ABRUZZESE

Da San Benedetto del Tronto (P.zza Giorgini ore9:00) , poi, parte la biciclettata verso l’Abruzzo dove i pedalatori arriveranno attraversando il ponte sulla strada stradale 16, si spera per l’ultimo anno, visto l’annuncio della prossima realizzazione del ponte ciclopedonale sul fiume Tronto.

Il gruppo percorrerà, invece, dal momento in cui si entrerà in Abruzzo una delle più belle ciclabili italiane che attraversa senza alcuna interruzione e ben quattro ponti ciclopedonali le città di Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto, e Giulianova fino a Roseto degli Abruzzi dove si arriverà alla Pineta sul mare alle ore 13:00. Il tratto più a sud che con altri ponti e piste ciclabili dedicate è collegato a sua volta con Pineto, Silvi, Città Sant’Angelo, Montesilvano e Pescara, si percorrerà da oltre il “ponte sul mare” partendo da Francavilla a Mare (P.zza del Pontile Sirena ore8:30) con l’altra biciclettata da sud verso nord.

Più a sud di Francavilla l’interruzione per raggiungere Ortona è il vero problema della Ciclovia Adriatica in Abruzzo, questione su cui la Regione Abruzzo e gli Enti Locali dovrebbero impegnarsi maggiormente per ottenere anche lì il collegamento verso la ciclabile dei Trabocchi che prosegue nel paradiso dei faraglioni abruzzesi lungo l’ex-tracciato ferroviario per oltre 20 km verso Vasto e più a sud verso il Molise.

---o---

L’appuntamento è, quindi, per domenica prossima 2 giugno, in sella alla propria bici ognuno potrà percorrere tutto il tragitto o un tratto più breve, per poi incontrarsi tutti a Senigallia e a Roseto, dove ci sarà animazione e ristoro. Il ritorno potrà avvenire a bordo dei tanti treni regionali, molti dei quali appositamente attrezzati per l’occasione per un servizio potenziato di trasporto gratuito delle biciclette.

La Biciclettata Adriatica sarà quindi l’occasione per ricordare l’importanza delle infrastrutture ciclabili che, per un giorno, uniranno idealmente due regioni, Marche e Abruzzo, in attesa del completamento di tutti i collegamenti ancora mancanti che, si spera, verranno completati a breve.

Tempi però che non possono dilungarsi oltre in considerazione della avvenuta candidatura della Ciclovia Adriatica nella rete EuroVelo che si vuole presentare per l’edizione 2026 di VeloCity, la kermesse internazionale del turismo in bici, che segna ogni anno il punto sull’argomento e che, in quella edizione sarà ospitata a Rimini, proprio sulla Ciclovia Adriatica.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-06-2024 alle 08:48 sul giornale del 03 giugno 2024 - 44 letture






qrcode